English Italian Home page | info@3ndy.biz | Chi siamo | Servizi | Corsi | Eventi | Newsletter | Mailing list | TeleTrading.TV

ANALISI DELL'S&P 500 CON IL VIX

Torna alla Newsletter Newsletter di Borsa & Finanza

 

Newsletter Borsa & Finanza N°17 - 03 aprile 2009

Analisi dell'S&P 500 con il Vix

 

Vediamo la Volatilità Implicita sull'S&P500 (dati giornalieri), conosciuta anche come Vix.
Il Vix rappresenta una media delle Opzioni quotate sull'Indice S&P500.
E' un ottimo indice di paura ed in genere di sentiment del principale mercato mondiale.
Il Vix è un indice di paura poiché si basa su un mercato in mano a iper professionisti che operano su uno strumento, quello delle Opzioni, che è una "scommessa" sugli andamenti futuri dell'indice S&P500.

Vediamo il grafico (dati giornalieri):

S&P 500 e Vix

La volatilità implicita delle Opzioni (Vix) è ancora elevata ed intorno al 43% ed è ben sopra un livello che storicamente è da considerarsi alto (linea orizzontale blu più alta del valore del 30%). Questo significa paura ancora elevata, almeno fino a che non si scende sotto il 30%.

Si può notare che il Vix fa massimi su minimi di mercato in modo quasi esatto. Il dato positivo è che i picchi di Vix, a partire da quello del 27 ottobre 2008, sono decrescenti, malgrado i minimi dell'S&P500 siano stati sempre più bassi. Questo spinge a pensare che la paura sta fortemente diminuendo e che il minimo dei prezzi del 9 marzo possa essere duraturo.

Certamente il rimbalzo attualmente in atto sarà solido e duraturo solo con Vix (ovvero Volatilità implicita del mercato delle Opzioni) in diminuzione.

A cura di Eugenio Sartorelli (www.investimentivincenti.it)

 

Vai al Disclaimer Leggere attentamente il Disclaimer

Abbonati a Trading Azioni